Marco Bognanni imprenditore di Bitcoin: “Il mio tempo è 80% cripto, 20% poker” – Gli acquisti milionari di WPN in Bitcoin

Doug Polk sta perdendo più di $300.000 con le cryptovalute

In questo caso ha perso un’occasione da milioni di dollari. Il trading è un po’ come il poker, tanti lo possono fare ma quelli che ci guadagnano davvero saranno tipo il 5%. Ma come ha fatto questo incauto malvivente a polverizzare la sua intera fortuna? Insomma è un mondo molto interessante e al di là del valore del Bitcoin ci siamo interessati a tutto il lavoro che ci sta dietro. Raccontaci che cosa fai ora. Magari sarei tornato ad abusare di stupefacenti, o magari sarei persino morto!”. ” Non andare a PokerStars fu il mio errore più grande . E Collins ne aveva parecchio. Inoltre i giocatori di poker accettano piccoli rischi”. Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Oggi ci sono numerose poker room che offrono gioco in bitcoin o (più recentemente) in ETH, la moneta di Ethereum. Ogni azienda potrà gestire i suoi pagamenti con le cripto. Nessuno sa chi ha inventato Bitcoin . Emergono particolari curiosi dallo screening del gruppo di Alex Dreyfus, con il coinvolgimento anche dei fondatori (ed ex proprietari) di PokerStars Group. ” Il mondo del poker è super smart e presta attenzione agli sviluppi tecnologici. Il Bitcoin ha superato il valore di 18.000 dollari e si sta vicinando al picco raggiunto nel dicembre del 2017 quando arrivò a 19.783 dollari prima di crollare (nel 2018) del 70%. Scritto da Claudio Poggi 29/02/2020 10:30. Phil Hellmuth racconta uno dei suoi rimpianti più profondi della sua vita extra pokeristica e presenta un nuovo sponsor che opera nelle criptovalute.

Winbet casinò Sisal casinò
Curiosità In evidenza

CoinPoker, l’ICO è partita: è possibile acquistare i token CHP tramite Ethereum

E’ un argomento che interessa molto ai giocatori di poker: parecchi professionisti hanno investito nella regina delle crypto e non solo… Cosa dicono i numeri e la storia… con una sorpresa! Fino a un certo punto, infatti, era molto attivo sui forum online e dialogava con chiunque fosse interessato alla sua creatura. Quelli che hanno fatto i soldi in questo mondo sono quelli che hanno comprato il Bitcoin e l’hanno tenuto a lungo, quello che si dice holding, perché sai che per sua natura è destinato a crescere nel tempo.”. Molti poker player si sono dati al trading di criptovalute, ma quello che fai tu è diverso. Quindi pensa che la domanda continua a salire e l’offerta viene dimezzata di continuo. In realtà, Matusow sovrastima e non di poco. Il CAB, che è riuscita a confiscargli circa 1,5 milioni di euro in altri bitcoin appartenenti a conti accessibili, più 100.000 euro in contanti, spera ancora di mettere le mani su quei 53,6 milioni: “Chissà che un giorno la tecnologia non ci permetta di recuperarli” , ha dichiarato un portavoce. “Penso che i giocatori di poker siano ribelli ma nel modo migliore possibile. La decentralizzazione (tipica di molte cripto, ndr) è un concetto cool e c’è un elemento di libertà associata ad essa. Nel marzo scorso Michael Graydon ha ricevuto una terribile notizia dai medici, una vera e propria condanna. Cosa ne pensi del futuro del Bitcoin? In copertina, la vittoria di Sinclair al Main WSOPE. Ciò è dimostrato dai tanti giocatori professionisti di successo che continuano a fare fortuna con altre attività, incluse le cripto”. Ma quando l’uomo è stato arrestato nel 2017 per spaccio, e condannato a 5 anni di carcere, il suo padrone di casa ha deciso di svuotare l’appartamento, liberandosi di tutti gli oggetti dello spacciatore. DraftKings ritira l’offerta da $22,4 miliardi per Entain: partypoker, Bwin e Eurobet non verranno cedute.

A quanto pare non era così” . Credi che ci siano similitudini tra poker e Bitcoin? Per esempio io sono il promoter di questa società, parlo dell’opportunità del mining, e abbiamo queste macchine che minano cripto e una persona può noleggiarle e ricevere i suoi Bitcoin tutti i giorni senza dover avere un computer apposito per farlo. “. Soffia un vento populista che ha il solo effetto di creare danni all’erario, perché i giocatori continuano a giocare, migrando su piattaforme estere. Gente tosta: ingegneri informatici, matematici, fondatori di start up (nel vero senso della parola) che potrebbero condizionare il nostro futuro. Il pezzo di codice dove si legge chiaramente “PokerLobby” e “Open New Table”. Possiamo dire soltanto una cosa: chi è causa del suo mal, pianga se stesso. Tutto ciò deve suonare come un campanello d’allarme per gli enti regolatori europei: se nei prossimi anni vorranno mantenere un gettito fiscale costante dal gioco online, dovranno rendere l’offerta di gioco più competitiva possibile e se viene ribadito il divieto di pubblicità per gli operatori legali , rischiamo di assistere all’inizio della fine dei mercati regolamentari. Dopo 2 anni si torna in action nella location storica dell’Hilton. ‘The Mouth’ ha detto che nel 2012 aveva bitcoin per un valore di $10.000, in un periodo in cui un bitcoin veniva valutato $27. Satoshi Nakamoto era quindi un giocatore di poker?

Marco Bognanni, svolta Bitcoin: “Il mio tempo è 80% cripto, 20% poker” // Il Bitcoin sfonda due volte il muro dei $10.000: il ritorno di fiamma tra le criptovalute e il poker

A raccontarlo è l’Irish Times: è il caso più eclatante in 25 anni di storia del Criminal Assets Bureau. Francia, Spagna e Portogallo (e presto anche la Germania) invece hanno capito le conseguenze ed hanno fatto fronte comune. L’esempio che abbiamo citato mette in mostra numeri pazzeschi.

Mike Matusow: “Se non avessi venduto i bitcoin, oggi avrei $168 milioni”: Anche PokerStars apre ai Bitcoin

Poi, improvvisamente, è sparito nel nulla e non è più tornato. Collins ha poi stampato i codici dei suoi 12 nuovi conti su un foglio A4, nascosto nel fodero di alluminio della sua canna da pesca . Per me $1.000 erano come $1. Per quanto riguarda poker e scommesse online, l’elevata interconnessione tra gli RNG, il modo in cui sono archiviate le mani, i propri dati personali e tutto ciò che gravita attorno al giocatore, la possibilità di un’ulteriore integrazione con le criptovalute non può che alimentare una nuova ondata di interesse. Una delle dichiarazioni più d’impatto rilasciate da Mike Matusow riguardano il suo potenziale coinvolgimento in un sito di poker basato sui bitcoin e chiamato Get Lucky Poker . Il Criminal Assets Bureau (CAB), l’autorità di contrasto irlandese che si concentra sul recupero dei beni acquisiti illegalmente da parte di criminali coinvolti in reati gravi, ha confiscato 12 account online a tale Clifton Collins , 49 anni e originario di Crumlin (Dublino). Un pusher irlandese ha mandato letteralmente in fumo una fortuna da 53,6 milioni di euro, non potendo più accedere ai suoi 12 account online. Ciao Marco, abbiamo visto che sei un po’ sparito dal mondo del poker per immergerti nelle criptovalute. Clicca qui. In virtù di questi presagi del mercato finanziario, CoinPoker ha recentemente sponsorizzato il giocatore dell’anno delle WSOP, Robert Cambpell. Di certo c’è che Satoshi Nakamoto aveva in mente diverse applicazioni della sua tecnologia e una di questa era probabilmente una poker room online.

Phil Hellmuth: “potevo comprare Bitcoin a $90, ho perso milioni” ma spunta un nuovo sponsor – Il Golden Gate di Las Vegas apre ai Bitcoin

Hai la libertà di spostare tutti i soldi che vuoi, anche miliardi, da una parte all’altra del mondo in 15 minuti, è una cosa che non può offrirti nessun altro. A Las Vegas viaggio sempre con Fiodor Martino, aveva appena aperto questa società di mining di Bitcoin, Swag, io avevo appena vinto quei soldi e li ho investiti subito in questa cosa. Però l’intenzione c’è, il futuro è anche quello. Mike Matusow se lo ricorda bene, quel 15 aprile 2011. Il network offshore ha rooms affiliate che accettano gioco principalmente negli Stati Uniti. Hanno aperto credo il 20 giugno, e prima di aprire hanno detto che avrebbero accettato pagamenti in criptovalute e che avrebbero cambiato criptovalute in denaro. Naufraga la super operazione che doveva portare Entain tra le braccia della società statunitense DraftKings, per un costo superiore ai 20 miliardi di dollari. E’ stato sponsorizzato da qualsiasi azienda negli States, la sua immagine è comparsa anche su una lattina di birra. I ragazzi non scherzano in fatto di rilanci pesanti. Sono domande a cui non avremo mai risposta, ma una cosa è certa: fin dall’inizio, il poker online è stato uno dei settori più attivi per quanto riguarda l’utilizzo delle cryptovalute. Il passo successivo è ora l’interessamento, in termini di investimenti e di interfaccia verso gli utenti, di un nuovo modo di interpretare questo tipo di risveglio da parte degli operatori del poker e, anche se la cosa richiederà tempo, c’è da scommettere che la filiera sia già in movimento. Marco Bognanni ci parla della sua nuova attività nel mondo delle criptovalute, e perché “Swag” stia sempre più prendendo il posto del poker nella vita di “Magic Box” . In questo Articolo: [ nascondi la tabella ]. Lo rivela il sito Breakermag.com , che scrive: “Nel file creato il 16 aprile del 2008 ci sono stringhe di codice che sembrano servire a costruire una poker room virtuale sulla blockchain “. Non che siano bruscolini, eh….

Poker offshore: quando il 90% dei players preleva in Bitcoin e il network acquista $100 milioni in cripto al mese // La vera rinascita delle criptovalute

Come trovarsi con 53,6 milioni di euro in Bitcoin e fumarseli tutti. Fodero della canna da pesca – con codici – incluso. EPT Praga 2021: il programma completo dei 59 eventi, la novità 6 Hold’em. Scritto da Andrea Borea 17/02/2020 19:00. Prima dell’aumento del Bitcoin e della crescita della domanda per la criptomoneta, WPN effettuava – secondo la versione del suo amministratore delegato – il 60%. Col denaro ricavato, Collins avrebbe sviluppato varie colture di marijuana, naturalmente da rivendere illegalmente. Scritto da Luciano ‘Luckyflush’ Del Frate 24/11/2020 14:03. Questo ha fatto di me una persona migliore” . ” Oggi quei bitcoin varrebbero $186 milioni . Sei meno giocatore e più imprenditore?

Assoweek: le nuove regole per WSOPE ed EPT, Bognanni e i Bitcoin, Dwan in forma high stakes // L’errore più grande di Mike Matusow

Scritto da Gianluca Gotto 12/10/2018 15:30. Ad agevolare questa ascesa è l’utilizzo del Bitcoin nei prelievi dei giocatori. Un recente rapporti di Reuters, mostra che l’interesse per le criptovalute è tornato a raggiungere un livello raramente toccato nell’ultimo anno e questa rinascita potrebbe interessare non solo gli operatori del settore, ma anche e soprattutto gli investitori, tra i quali i giocatori di poker che hanno mostrato sempre un debole per questo mondo. Grazie ai Bitcoin e le altre criptovalute, tali operazioni però sono difficilissime (per non dire impossibili) da individuare e contrastare da parte delle autorità. Marco Bognanni: ” Adesso il mio tempo è 80% Bitcoin e 20% poker. Oggi $1.000 mi sembrano un sacco di soldi. Così ieri ha pensato di chiedere aiuto su Twitter per giocare una volta nella vita il WSOP Main Event.

Lascia un commento